Oggi è venerdì 13 dicembre 2019, 7:51




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 3 messaggi ] 
 Zul'Aman 
Autore Messaggio
Super Postatore
Super Postatore
Avatar utente

Iscritto il: venerdì 21 settembre 2007, 21:58
Messaggi: 1107
Messaggio Zul'Aman
PRIMO GIORNO





“Generale Sturmish siamo tutti pronti per l’assalto!” con queste parole la comandante Arshesney fece sobbalzare il saggio nano intento a ripassare tattiche di guerra da tanto tempo studiate ma non ancora provate sul campo.

Nel frattempo la comandante Ileda con la fedele compagna Zullian al suo fianco stava attendendo assieme al resto del gruppo di fronte all’immenso portone che li teneva ancora lontani da quello che sarebbe stato presto fatica dolore e gioia.



“Amici”, ebbene si nonostante fosse il generale e quindi la persona più importante di tutto l’esercito, Sturmish considerava i suoi combattenti amici prima ancora che guerrieri, “dinnanzi a noi c’è la gloria. Ci aspettano ondate di troll ma soprattutto ci aspettano gli dei! Quattro dei animali dovremo sconfiggere prima di poter arrivare all’Hex Lord Malacarass, il tirapiedi del padrone di questo infame posto… Zul’Jin!” riprese fiato e notò come l’adrenalina stava salendo nei suoi compagni, “Non so se e come riusciremo ad arrivare a lui ma sono sicuro che uniti potremo farcela e anche questo posto, e anche gli dei, tremeranno in futuro quando vedranno avvicinarsi a loro l’armata Outcast Brigade!!!!”

Un urlo si alzo ed ogni minimo timore svanì, era arrivato il momento di varcare la soglia e affrontare il proprio destino.

I due valorosi guerrieri si posero dinnanzi al gruppo. Guidati dalle indicazioni del Generale iniziarono a risalire un ripida rampa infestata di troll. Krots e Korloch i due guerrieri elfi scandivano con perfetto tempismo i nomi di chi doveva essere la prossima vittima. Tutt’attorno si udivano le esplosioni arcane provocate dalla comandante Arshesney e dal saggio gnomo mago Donpino atte ad abbattere immensi stormi di uccelli che cercavano di uccidere i curatori del gruppo. In pochissimo tempo la rampa si presentava come un cimitero di troll. I dieci, dietro di loro avevano lasciato solo cadaveri. “Che ci fate voi qui???” una rauca voce, che fece sgranare gli occhi a tutti, li accolse. Un ghigno partì dalle labbra di Sturmish: “pensavo che un dio conoscesse tutto!! Akil’zon, dio” e rise di nuovo “aquila prima ancora di sapere chi siamo tu sarai morto!!!” dopo questa frase Krots capì che era il momento di impattare il dio, e così fu. Tremendi colpi venivano inferti dal Akil’zon ma con le cure assidue e immediate dei tre valorosi curatori Sturmish, la sacerdotessa Golcondha e il saggio druido Ozlunar, Krots ritrovava dopo ogni fendente una nuova vita. Dall’altra parte il dio si trovava la carne completamente lacerata dai fendenti del rogue Deadlybear e dalla frecce della cacciatrice Ileda. L’impatto magico era rappresentato dalla sacerdotessa dell’ombra Tenebra e dai maghi del gruppo. In men che non si dica un urlo tremendo uscì dalla bocca del dio aquila che cadde a terra. Sturmish si avvicino al dio rantolante e gli disse: “ tu sei solo il primo. Ora muori in pace e di al tuo spirito di andare ad avvisare il tuo padrone, gli Outcast Brigade sono arrivati!!”



“Bene ragazzi ora tocca all’orso, Narolakk!!!”.



Il dio già li stava aspettando, la loro presenza ormai era nota in tutta la città di Zul’Aman e Narolakk li accolse lungo il percorso scagliando verso di loro gruppi di combattenti troll e branchi di orsi. Naturalmente i dieci non si fecero intimorire e li eliminarono uno dopo l’altro presentandosi così davanti alla divinità. “è inutile che continui ad urlare orsacchiotto” disse Ileda sorridendo “anche il tuo momento sta per arrivare” e di nuovo Krots non se lo fece ripetere due volte. I colpi tirati dal dio erano talmente forti che a Krots serviva l’aiuto, oltre che dei fedeli curatori, anche del suo compagno guerriero Korloch. I due si alternavano perfettamente quando i colpi ricevuti dall’altro diventavano troppo consistenti da poter essere sopportati, ma grazie al grandissimo potere d’attacco del manipolo di combattenti anche Narolakk, il più possente fisicamente degli dei di Zul’Aman cadde senza pietà.

Ormai ognuno era convinto della propria forza ma Sturmish dentro di se sapeva che le vere difficoltà dovevano ancora arrivare.



La strada che portava al dio successivo, Jan’alai il dragonhawk si presentava già assai più dura rispetto a quello che avevano visto fino ad ora. I dieci ricevettero duri colpi ma questo non li fermò e come i due precedenti pure il dio dragonhawk cadde ai loro piedi.

La battaglia era stata veramente dura e il generale Sturmish non sapeva se era il caso di continuare o fosse meglio aspettare aspettare il giorno successivo accampandosi nella zona. Si riunì con le sue due fedeli comandanti Arshsney e Ileda per decidere il da farsi. La situazione non era delle migliori ma il posto non poteva ancora essere considerato tranquillo per accamparsi finchè anche l’ultimo dei quattro boss animale, Halazzi la lince, non fosse stato sconfitto. Fecero un rapida riunione, il rischio di perdere alcuni uomini era alto gli stessi Sturmish e Ileda non si presentavano al meglio della condizione ma anche loro sapevano che altri valorosi guerrieri potevano venire in loro aiuto nel caso ce ne fosse stato il bisogno il giorno successivo. Recuperarono le forse e si avviarono verso quello che sarebbe stata la prossima vittima, lo shamano dio della lince Halazzi. Davanti a lui le forze erano davvero sulla via dell’esaurimento e i totem che venivano piazzati di volta in volta provocavano un dolore atroce a tutti. Le ultime energie permisero a Sturmish e Golcondha di pronunciare le ultime preghiere e Ozlunar riuscì con un grande sforzo a tenere in vita i suoi compagni impegnati a procurare ad Halazzi terribili sofferenze. Ad un certo punto un tonfo sordo cambio l’espressione di tutti loro: il dio lince era per terra ai loro piedi. La gioia era immensa ma quando Arshesney si guardò intorno capì che la battaglia aveva sfinito molti di loro tra cui anche lo stesso generale Sturmish e la sua collega comandante Ileda.



Decisero di accamparsi sulla riva del lago situato proprio in mezzo alla città di Zul’Aman per trascorrere la notte e recuperare così le forze. Le tre guide del gruppo si ritrovare in una tenda per decidere il da farsi, i colpi subiti per alcuni di loro erano stati tremendi e Sturmish sapeva cosa si sarebbe andato incontro il giorno seguente. Decisero allora che qualcuno doveva lasciare il campo di battaglia e una volta fatto ritorno ad Ironforge avrebbero potuto trovare dei validi sostituti per raggiungere il loro obbiettivo.



Si riunirono tutti fuori dalle tende e Sturmish, che già sapeva che non avrebbe potuto continuare, con l’amarezza nel cuore, scrutò lo sguardo di tutti per capire chi poteva restare. Tenebra la sacerdotessa dell’ombra era distrutta e fu la prima indicata a lasciare il campo per avere le dovute cure e un meritato riposo. Con lei si aggregarono anche il guerriero Korloch sfinito dai colpi ricevuti durante tutta la serata, il mago Donpino, la comandante Ileda e lo stesso Sturmish.

Si allontanarono dal campo di battaglia, prima di andare però il generale spiegò in dettaglio alla comandante Arshesney ogni cosa che aveva sentito riguardo a quello che avrebbero dovuto affrontare il giorno seguente. La maga guardò verso il basso negli’occhi Sturmish e disse: “non vi deluderò generale.” “ti manderò i migliori guerrirei che riuscirò a trovare. Il nome Outcast Brigade dovrà segnare una pagina di storia di questo mondo. Ho piena fiducia in te e so che non mi deluderai”. Si allontanò e con gli altri 4 compagni prese la strada che portava ad Ironforge.

_________________
un giorno su un forum vidi la frase... "fare dps è da ignoranti, tankare è la sfida"... a sto punto ho curato ho fatto dps non mi manca che tankare!!!

Immagine


venerdì 6 giugno 2008, 20:11
Profilo
Super Postatore
Super Postatore
Avatar utente

Iscritto il: venerdì 21 settembre 2007, 21:58
Messaggi: 1107
Messaggio 
SECONDO GIORNO



Arrivato ad Ironforge, il giorno seguente, Sturmish iniziò a pensare che potevano essere i prescelti per continuare la battaglia da lui iniziata. Scrisse cinque lettere di convocazione e le firmò generale dell’armata Outcast Brigate. I cinque ricevettero l’ordine di presentarsi a mezzogiorno in punto di fronte alla banca di Ironforge dove avrebbero trovato il loro generale e da li saputo in cosa consisteva la loro missione.

Alle dodici in punto erano tutti presenti. I padroni della forza oscura Evocator e Kirrak erano pronti e aspettavano impazienti di sapere qual’era il loro compito. Li raggiunsero anche il possente druido Ghutan, il padrone del fuoco Thundermage e la shamana padrona della magia curatrice Legione.

“Bene, operativi come sempre!!” la voce di Sturmish li fece girare di scatto. Il generale portava su di se ancora i segni della battaglia del giorno prima e senza dubbio non passarono inosservati ai cinque.

“Immagino che non ci sia una gita di piacere quella che ci stai per proporre Sturmish” disse Evocator con un leggero sorriso sulle labbra. “Dipende dai punti di vista vecchio mio” rispose immediatamente il generale.

“Avete sentito ancora di Zul’aman, la città dei troll della foresta? Bene la vostra destinazione è quella. La troverete alcuni nostri compagni che assieme a me ieri hanno affrontato i quattro dei animali.” “degli DEI???” lo interruppe il giovane Thundermage con aria stupita, “non starai per caso tremando piccoletto” disse Legione scoppiando in una risata. Sturmish riprese subito il discorto (non amava molto essere interrotto) “Bene, il vostro compito sarà quello di unirvi ai vostri compagni e cercare assieme a loro di sconfiggere il padrone di quel posto infame, Zul’jin!”.

Ghutan e Kirrak si scambiarono uno sguardo d’intesa, già assaporavano il gusto della gloria.

“Cercate di partire con tutto il necessario e possibilmente portate con voi anche qualche rifornimento per i vostri compagni che già si trovano là. Se partire subito in mezz’ora di volo sarete da loro. Arshesney è stata incaricata di guidarvi nella battaglia, tu Evocator guida i tuoi compagni fino alle porte della città e poi… Fate sputare sangue ad ogni troll che si troverà sul vostro cammino!!! Ad ogni troll sotto i vostri colpi fate i miei saluti!!”

Il vecchio nano era certo di aver fatto la scelta giusta, richiamò a se la potenza della luce e infuse ai cinque compagni la sua benedizione.

Sturmish si era appena allontanato e tra di loro si respirava aria di eccitazione. In men che non si dica erano già tutti pronti e corsero dal padrone dei grifoni di Ironforge, la loro destinazione era il punto più a nord del continente, la regione che avrebbe regalato a loro ed a tutti gli Outcast Brigate la gloria.

All’interno delle mura di Zul’aman intanto Ozlunar stava facendo il suo turno di ronda, la zona era pulita dopo il massacro del giorno precedente, ma la sicurezza, il saggio druido lo sapeva bene, non è mai troppa. Le fatiche del giorno prima sembravano gia un lontano ricordo.

Arshesney uscì dalla sua tenda per dare il cambio all’amico druido i due scambiarono un paio di parole quando ad un certo punto si guardano con aria preoccupata. Un rumore, qualcosa si stava avvicinando. Ozlunar non aspettò un secondo e si tramuto in forma d’albero, Arshesney castò su se stessa ogni forma di scudo magico e, non chiedetemi come, Krots stava già accanto a loro armato della sua fedele mazza e con il suo impenetrabile scudo.

Una palla di fuoco arrivo in direzione di Arshesney che con estrema abilità riuscì a schivarla e con altrettanta maestria pronuncio una formula magica che fece fuoriuscire dalle sue mani una palla di fuoco almeno 5 volte più potente di quella che aveva appena evitato. La scagliò nella stessa direzione da cui era provenuto l’attacco. “NOKMAT!!!!!!!!” un urlo giunse da dietro il cespugli “Cavoli Arsh mi hai ucciso l’imp!!!” . Ozlunar, Arshesney e Krots scoppiarono in una risata avevano riconosciuto quella voce. Da dietro il cespuglio, o sarebbe meglio dire, da sotto il cespuglio spuntò il loro amico Evocator seguito da Kirrak, Ghuntan, Thundermage e Legione.

“Finalmente siete arrivati!!” esclamò Golcondha.

“Già finalmente” disse arshesney “Sturmish vi ha già accennato qualcosa su quello che ci aspetta?”.

“Si qualcosa sappiamo e sinceramente non vedo l’ora di vedere se quello che ci ha detto corrisponde a verità o se ha voluto solamente impaurirci.” disse Legione.

“Fidati non rimarrete delusi” sorridette Deadlybear.

“Attaccheremo quando il sole sarà ormai scomparso dietro l’orizzonte nel frattempo cercate di accumulare tutte le vostre forze dato che vi servirà di tutto fino all’ultima goccia” comando Arshesney.

La truppa non se lo fece ripetere due volte e mentre la comandante e i due capitani cercavano di fare il punto della situazione il resto dei compagni iniziarono a sistemarsi come meglio preferivano in modo da poter trovare la massima concentrazione possibile, dato che ne sarebbe servita davvero tanta.

Il tempo sembrava correre più velocemente del solito e il sole era già tramontato quando Arshesney richiamò tutti a rapporto.

L’ora era giunta.

Avanzarono fino a quella porta che ieri era inaccessibile. Krots davanti a tutti diede un calcio al portone che si spalancò di colpo. Il piede del guerriero non era ancora giunto a terra quando due esseri enormi, due non morti grandi almeno quanto 2 troll, gli saltarono addosso. Il combattimento era iniziato. Da adesso ci si fermerà solo da eroi o da morti.



(ooc causa problemi lavorativi mi sono fermato qui. a presto il resto, lavoro permettendo ) :lol:

_________________
un giorno su un forum vidi la frase... "fare dps è da ignoranti, tankare è la sfida"... a sto punto ho curato ho fatto dps non mi manca che tankare!!!

Immagine


venerdì 13 giugno 2008, 12:51
Profilo
Super Postatore
Super Postatore
Avatar utente

Iscritto il: venerdì 15 giugno 2007, 15:24
Messaggi: 1222
Località: Undercity - Rogues Quarter
Messaggio 
Deadlybear si fermo un'attimo a osservare il panorama nella sua interezza, cosa rara come rogue scout era teso sempre a cogliere particolari che potevano rappresentare un pericolo e in quel momento ammirare l'antica citta troll ormai sommersa dalla giungla nella sua interezza gli provoco un dejavu...

Venoxis.... Hakkar... Zul'Gurub...

Quanto tempo era passato, amici che un tempo affronatavano tante avventure, qualcuno era rimasto, qualcuno era scomparso altri si sono aggiunti, io stesso sono ritornato dopo un lungo periodo di calma...

...di nuovo insieme, nuove battaglie, nuove avventure...

ma nella mente comunque continua a risuonare la tipica acclamazione del Forsaken

victory for Syvanas


"ORSO andiamo muoviti!!"

Ileda la cacciatrice mi strappo dal mio divagare..

"la battaglia ci chiama!!"

_________________
...ABBRACCIA LA POTENZA DEL LATO OSCURO...


venerdì 13 giugno 2008, 14:38
Profilo
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 3 messaggi ] 


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi

Cerca per:
Vai a:  
cron
Powered by phpBB © phpBB Group.
Designed by Vjacheslav Trushkin for Free Forum/DivisionCore.
Traduzione Italiana phpBB.it